tartufo-nero-estivo-o-scorzone
Spread the love

Il Tartufo Nero Estivo (tuber aestivum Vitt.) è conosciuto volgarmente come Scorzone, il suo periodo di raccolta è nel periodo estivo, dall’ultima domenica di Maggio al 31 Agosto.

Ha un aroma gradevole e delicato.

DESCRIZIONE DEL TARTUFO NERO ESTIVO FRESCO

Il Tartufo Nero Estivo (tuber aestivum Vitt.) è conosciuto volgarmente come Scorzone, essendo caratterizzato da una scorza esterna molto dura. Nel centro Italia è sicuramente il tartufo più conosciuto in quanto il territorio è ideale per la sua creazione.

La sua grande produzione in natura ne determina il suo prezzo così accessibile.

Ha un aroma gradevole e delicato.

La gleba (polpa interna) sempre chiara, varia dal colore nocciola chiaro al bruno ed è attraversata da numerosissime venature bianche.

Il peridio (scorza esterna) è di colore bruno-nerastra, si caratterizza per le grandi verruche spigolose di forma piramidale ben evidenti.

PERIODO DI RACCOLTA DEL TARTUFO NERO ESTIVO

Il Tartufo Nero Estivo (tuber aestivum Vitt.) si raccoglie DALL’ULTIMA DOMENICA DI MAGGIO AL 31 AGOSTO.

DOVE CRESCE IL TARTUFO NERO ESTIVO

La specie predilige habitat a quote variabili, in terreni ricchi di calcio, cresce in simbiosi con piante di Querce, Carpini, Pini, Frassini, Faggi e Noccioli.

IL TARTUFO NERO ESTIVO IN CUCINA

Il Tartufo scorzone è alla base della tradizione culinaria umbra, dai crostini, alla strapazzata di uova, dai primi piatti ai secondi di carne e di pesce è uno dei tartufi che più si abbina a qualsiasi fantasia in cucina.

Ricetta consigliata: CROSTINI ALLA SPOLETINA

MODALITÀ D’USO

Si consiglia di lavare il tartufo solo all’ occorrenza con l’ausilio di una spazzola a setole medio/dure sotto l’acqua corrente fredda e di asciugarlo bene con carta assorbente prima dell’uso.

È uno dei tartufi che meglio regge le alte temperature anche se si consiglia decisamente di non soffriggerlo o rosolarlo.

Usatelo per preparare una salsa che utilizzerete per condire crostini, uova e quant’altro.

Grattugiatelo abbastanza finemente aggiungendo Olio Extra Vergine di Oliva, aglio e sale q.b.

Per guarnire il vostro piatto potete aggiungere qualche fetta di tartufo utilizzando l’apposita affetta tartufi.

Scopri Come Utilizzare E Conservare Il Tartufo Fresco  e Come utilizzarlo in Cucina 

Leave a Reply