Spread the love

Le colline di San Miniato sono una delle aree più prospere d’Europa per la crescita del tartufo bianco Tuber Magnatum Pico, localmente noto anche come cibo da re, che significa cibo dei re. Il Tartufo di San Miniato ha uno strato esterno lucido e una polpa che varia dal marrone castano al nocciola.

Le sue dimensioni possono variare: attualmente il tartufo bianco più grande del mondo, del peso di 2.520 kg, è stato scoperto a San Miniato nel 1954. Grazie al suo profumo intenso e al sapore gradevole che ricorda il formaggio fermentato, il tartufo bianco di San Miniato è una stella della Toscana autunno.

La raccolta, che si svolge tra settembre e dicembre, è regolata da una politica rigorosa e da una legge regionale che stabilisce chiaramente i termini sia per la raccolta che per le vendite. I cacciatori di tartufi devono avere un cane addestrato e uno strumento speciale chiamato vanghetto, usato per scavare i tartufi.

La cottura distrugge gran parte del loro sapore e profumo caratteristici, quindi è consigliabile gustare questi tartufi allo stato grezzo. Uno dei piatti locali più popolari è noto come tagliolino al tartufo bianco delle colline Sanminiatesi, composto da pasta di grano duro fatta a mano aromatizzata con burro e tartufo bianco appena grattugiato.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *