Spread the love

Dal sapore deciso ma non eccessivo, lo scorzone racchiude tutti gli odori e le fragranze del bosco.

Scorzone, l'oro nero dell'estate, non può mancare in tavola!

Il tartufo è un fungo sotterraneo che si sviluppa grazie a un fenomeno di simbiosi con un albero nutriente che può essere una quercia, un nocciolo o un carpino, a condizione che il terreno e il clima siano favorevoli ad esso. Esistono oltre 60 varietà di tartufi di cui solo 9 sono commestibili e 5 più frequentemente commercializzati. Da maggio a dicembre, viene racolto il tartufo estivo o scorzone, assomiglia molto al nero invernale tranne per il colore interno che tende al marrone chiaro. Il tartufo estivo, il cui nome scientifico è Tuber aestivum Vittadini è anche chiamato scorzone per la sua forma rotonda e particolarmente spessa che consente di distinguerlo a prima vista dal tartufo nero. Di piccole dimensioni rispetto ad altri tipi di tartufi, può raggiungere un diametro massimo di circa 10 cm. Il suo profumo è intenso ed aromatico. Dal sapore deciso ma non eccessivo, lo scorzone racchiude tutti gli odori e le fragranze del bosco.

In cucina si accompagna molto bene ai ripieni o molto più semplicemente alla carne cruda o alle uova al tegamino. Ottimo anche l’abbinamento con la pasta fresca. Questo tartufo si sposa bene con tutto e non costa eccessivamente. Lo scorzone è ricco di antiossidanti, ha proprietà elasticizzanti, agevolando la produzione di collageni e soprattutto favorisce la digestione. Si tratta di un alimento ricco di sali minerali, tra cui il magnesio e di proteine, inoltre, è privo di colesterolo. Questa estate non perdetevi l’oro nero in tavola!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *