Spread the love

Uno – Il modo migliore per conservare un tartufo fresco è lavarlo con cura, asciugarlo e riporlo in un contenitore Tupperware sigillato rivestito di carta assorbente. “Non importa cosa, non fare qualcosa di stupido come conservare un tartufo nel riso crudo. Tutto ciò che fa è asciugare il tartufo “, ha detto lo chef Frank. Per ottenere il massimo profitto dal tuo dollaro al tartufo, puoi mettere un paio di bastoncini di burro avvolti o uova crude nel contenitore. L’aroma permea facilmente i gusci e l’involucro. Usa entrambi per creare una frittata decadente, ulteriormente arricchita con alcuni trucioli di tartufo.

Due: “C’è una differenza di sapore assolutamente nulla tra i tartufi selvatici o allevati in fattoria e se qualcuno dice il contrario, sono pieni di [merda]! Sono entusiasta dei nostri frutteti locali e credo che possano produrre tartufi altrettanto buoni dei loro omologhi europei “, ha affermato lo Chef Frank. Ha anche detto che i tartufi australiani allevati in fattoria sono ora “straordinariamente buoni” e non può aspettare fino a quando non può chiamare un contadino vicino e dire: “Potresti per favore lasciare un paio di tartufi appena raccolti questa mattina?” Ci vogliono circa 5-7 anni perché un frutteto di tartufi inizi a produrre. Il vicino dello chef Frank, Robert Sinskey Vineyards, ha piantato alberi inoculati al tartufo nel 2010, quindi speriamo che non abbia molto più tempo da aspettare.

Tre – I prodotti al tartufo commerciali (olio al tartufo, miele, sale, ecc.) Sono una frode. A causa della durata molto breve del tartufo, il vero olio aromatizzato al tartufo non è semplicemente un prodotto praticabile. L’olio di tartufo prodotto commercialmente è invariabilmente aromatizzato artificialmente, indipendentemente dalla fantasia della bottiglia o dal prestigio del fornitore, sono tutti prodotti chimicamente utilizzando un derivato sintetico, 2,4-ditiapentano.

Quattro – I tartufi sono meglio consumati al più presto poiché perdono metà del loro sapore dopo la prima settimana. Se si desidera conservare per un uso successivo, il modo migliore è piegare i trucioli o gli scarti di buccia tritata nel burro, quindi congelarli per un uso successivo. Aggiungi il burro al tartufo alla pasta calda a pelo d’angelo con un po ‘di parmigiano, per un piatto glam. Lo chef Frank ha dichiarato che “Il burro è davvero buono con i tartufi. Troppo burro non è mai abbastanza. “

Cinque – Un modo delizioso per sfoggiare il tuo tartufo è quello di ottenere un buon formaggio cremoso (lo Chef Frank consiglia Mt. Tam di Cowgirl Creamery) e lo taglia con cura in tre strati. (Avvolge la lenza attorno a due tappi per bottiglie di vino e tiene saldamente i tappi per tagliare gli strati uniformi. Radere tartufi freschi su ogni strato, quindi rimetterli insieme. Assicurarsi di non coprirlo completamente altrimenti gli strati di formaggio non aderiranno. Avvolgere strettamente il formaggio nell’involucro di Saran e lasciarlo in infusione per 48 ore.

Sei – Quando si tratta di selezionare un tartufo, si tratta di freschezza e fragranza. Ne vuoi uno che sembri fermo e non troppo spugnoso, a meno che tu non abbia intenzione di usarlo quel giorno. Questo è un caso in cui più grande non è necessariamente migliore (pensa a una pallina da golf a dimensione di limone) e vuoi un tartufo con la pelle liscia e non molte verruche. So quanto sembra sconveniente continuare su un evento che è già finito, quindi ho solo due suggerimenti finali per te.

Sette: per una cena romantica e gastronomica, organizza un soggiorno rilassante al Westin Versa Napa, dove potrai concederti il ​​menu al tartufo annuale di La Toque con abbinamenti di vini.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *